Alcuni modelli di set da ferrata a rischio, ritirati dal mercato i modelli pericolosi e avviata un’indagine

Data evento:

Diffondiamo una notizia del Centro studi materiali e tecniche del CAI datata 1 Settembre 2012: a seguito di un incidente mortale,  sono state compiute delle indagini che hanno messo i evidenza come alcuni modelli di kit da ferrata con bracci elestici non offrano garanzia in caso di caduta. Si raccomanda quindi a tutti gli utilizzatori di verificare accuratamente se il proprio modello è nell’elenco di quelli a rischio.

Le ditte costruttrici di questi attrezzi hanno immediatamente richiamato tutti i set esistenti sul mercato, e contemporaneamente un’indagine è stata compiuta su tutti i tipi di set elastici in commercio da parte del DAV (Deutscher Alpenverein) e del TÜV (Technischer Überwachungsverein) di Monaco.

Gli esperimenti hanno suggerito che in alcuni set a causa del ripetuto processo di allungamento, lo sfregamento fra elementi elastici ed elementi portanti genera un’usura di questi ultimi. È tuttavia ancora presto per commenti più precisi, precisa il comunicato del Centro Studi Materiali e Tecniche del CAI. Una riunione congiunta UIAA-CEN è in programma a Berna il 6 Settembre per approfondire l’analisi tecnica del problema.

Intanto vengono comunicati i primi risultati della suddetta indagine sperimentale: nella tabella, che è possibile scaricare, si elencano i set che al momento sono stati richiamati (affected) e quelli giudicati idonei (unaffected). I marchi che hanno disposto il ritiro precauzionale di alcuni loro modelli per ferrata sono Austrialpin, Edelrid, Edelweiss, Singing Rock e Climbing Technology.

Scarica il comunicato ufficiale

Categoria:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *