Alta Via del Tabacco – Canale del Brenta – 8 Maggio 2016

Data evento:

alta-via-tabacco

Ambiente

L’Alta Via del Tabacco è un percorso creato collegando mulattiere e sentieri già esistenti utilizzati dagli abitanti del Canal di Brenta per collegare da Bassano gli insediamenti a mezza costa fino alla contrada di Costa, con funzione di vicinato, per andare a legna o fieno e per le normali relazioni tra famiglie.
Molti di questi luoghi e di questi sentieri videro l’epopea settecentesca e ottocentesca dei contrabbandieri di tabacco e le rincorse dei finanzieri.
L’alta via si svolge toccando molti terrazzi di ‘masière’ (muretti a secco, dal latino ‘maceria’) un tempo adibite a coltivazione del tabacco.

Ora c’è un progetto che propone di studiare, recuperare, valorizzare e far conoscere i segni dell’uomo organizzandoli nel “Museo Diffuso dell’Alta Via del Tabacco”

 

Sintesi escursione

Abbiamo iniziato lo scorso anno percorrendo la terza tappa dell’alta via del tabacco ora continuamo con la seconda tappa.        

Dal secondo tornante della strada che da Valstagna porta a Foza si prende la mulattiera della ‘Calà del Sasso’.     Risalita nel primo tratto, la si abbandona a sinistra ad incrociare, sul versante opposto, una mulattiera. La si scende per un breve tratto, lasciando poi anche questa per riprendere in quota attraversando il fianco della Val Stagna fino a ritornare nella Valle del Brenta, anche qui evitando le deviazioni passando per Prà Negro m.560 e case Geremia. A m.650 si segue  il sentiero  del “Vu” n.775 . Ci si abbassa lungo un ripido sentiero, incrociando la mulattiera di Oliero di sopra (sentiero n.773). Da qui si scende fino ad un bivio, da cui di deve proseguire verso sud, passando sopra al parco delle Grotte di Oliero tramite il ‘Sentiero natura’, si passa alla base del muro di sostegno di Casa Val del Spin , fino a riprendere il percorso verso Oliero di sotto (sentiero n.771) m.420. Si continua per questa fino a dove diventa possibile proseguire per il fondovalle della Vallerana , anche se solo per un breve tratto, dopodichè si prende a sinistra risalendo il versante fino alle case abbandonate di ‘Beldre’ m 583 ed all’incrocio con il sentiero n.769 a m.500. Si scende tramite questo seguendo una traccia di trincea fino al costone della Val Tornà, da cui lo si lascia per proseguire in quota, con altri saliscendi, fino a portarsi sopra all’abitato di Campolongo a m.400 e per il sent. naturalistico “A. dal sasso” giù in paese a m 200.

 

 

Note: l’itinerario attraversa numerose proprietà private si raccomanda l’educazione e il rispetto delle coltivazioni, perché sono il risultato di grandi sacrifici.

 

I responsabili dell’escursione si riservano, a loro insindacabile giudizio, di modificare, ridurre, annullare l’attività sulla base di avverse condizioni meteo e/o il subentrare di pericoli oggettivi, e anche eventualmente soggettivi da parte dei partecipanti.

 

 

Comitiva Unica
Difficoltà E
Dislivello salita discesa 800 m circa
Tempo percorrenza 7 ore circa
Equipaggiamento normale da escursionismo, scarponi e bastoncini
Responsabili Escursione ASE Sabrina Basso    ASE Gianluca Rizzardi                  Tam Vettorello Francesca

LocandinaAltaViaTabacco 2016

Pieghevole 2013-04

Categoria: , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *